antifascismo

Una mattina mi son svegliato ed ho trovato Israel...

Considerazioni sulle celebrazioni del 25 Aprile 2016 a Milano

Il 25 aprile 2016 ha evidenziato in maniera chiara alcuni elementi che vale la pena di ricordare. Milano è governata dal 2011 da una giunta sostenuta da Sel, Rifondazione Comunista, egemone il PD, il più a destra nel paese.

Non vogliamo oggi entrare nel merito delle politiche che hanno governato questi ultimi 5 anni, i crimini sono tanti: dal sostegno ad Israele, fin dai primi giorni di insediamento della Giunta arancione-sionista, all'abbandono e alla criminalizzazione delle periferie, Expo, gli sgomberi dei centri sociali antagonisti e le vie preferenziali per chi non disturba il manovratore, così come gli accordi con quelle cooperative che lucrano sui migranti, che stanno zitte nei confronti delle politiche discriminatorie e inerti di fronte alla tragedia di chi scappa dalle guerre imperialiste e colonialiste italiane (Iraq, Siria, Libia ed altri paesi africani).

CONTESTARE LA PRESENZA DELLA BRIGATA EBRAICA NELLA FESTA DELLA LIBERAZIONE NON È UN DIRITTO, È UN DOVERE!

Le insegne della Brigata ebraica sfilano per la prima volta nel corteo del 25 Aprile 2004. Le motivazioni di questa decisione sono dichiarate ed esplicite: nel sito degli “Amici di Israele” si legge che sono costoro a decidere di sfilare sotto le insegne della Brigata ebraica perché “stanchi di partecipare circondati da bandiere palestinesi [...] e per non farci annoverare tra la massa dei manifestanti anti-americani o anti-israeliani”. La stessa associazione dichiara che la decisione di sfilare con la Brigata ebraica è solo un passaggio di un percorso che deve portare a “lo sdoganamento del sionismo” (testuale). Si legge: “Crediamo, infatti, importante spiegare agli italiani che il sionismo è un ideale alto, nobile e giusto”.

È quindi espressamente dichiarato che la sfilata della Brigata ebraica è un’operazione di propaganda del sionismo ed è organizzata dalla associazione “Amici di Israele”.

CONTESTARE LA PRESENZA DELLA BRIGATA EBRAICA NELLA FESTA DELLA LIBERAZIONE NON È UN DIRITTO, È UN DOVERE! - Milano

25 aprile 2016 - Milano

Carissimo Smuraglia...

Carissimo Smuraglia, nelle Sue recenti esternazioni, fatte a mezzo stampa sionista, ha fatto riferimento a “chi prova a inquinare lo spirito più autentico del 25 Aprile”, dichiarando la sua ferma intenzione di “rigettare chiaramente” chi vi vuole inserire sentimenti di “odio razziale” il prossimo 25 Aprile. Per questo le sottoponiamo due semplici domande, le cui risposte possano meglio chiarire il suo pensiero

Pagine

Abbonamento a RSS - antifascismo

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.
 

FrontePalestina newsletter

Stay informed on our latest news!

Abbonamento a FrontePalestina newsletter feed

Accesso utente