Articoli e Analisi

PER AL QUDS, CAPITALE DELLA PALESTINA!

Nel centenario della dichiarazione di Balfour, la decisione degli Stati Uniti di riconoscere Gerusalemme come capitale dello Stato sionista ed il conseguente trasferimento della propria ambasciata in quella città, segna un nuovo passo storico nel progetto coloniale in Palestina e ha l’indubbio merito di fare chiarezza sulla scena geopolitica mediorientale.

Sgombera il campo dalle ambiguità, taglia le gambe ai collaborazionisti ed agli ingenui. Indica l’unica via rimasta per ottenere Al Quds capitale della Palestina: la lotta “con tutti i mezzi necessari” contro il nemico sionista e imperialista. Staccando la spina ai moribondi Accordi di Oslo, che erano il contenitore della (non) soluzione del conflitto arabo-sionista, attraverso la formula dei “2 popoli 2 stati, svelando una bufala internazionale durata un quarto di secolo. Una vera e propria dichiarazione di guerra contro gli arabi, che rientra nel piano della fazione imperialista neocolonialista statunitense che, contestualmente all’occupazione di porzioni di Siria, Iraq, Libia e Yemen, vuole “chiudere” la ferita aperta della Palestina e della sua capitale storica: Al Quds.

Una situazione di chiarezza che porrà chiunque, in primis i palestinesi, di fronte alla scelta tra Resistenza o Resa. Non c’è più margine per negoziati, compromessi, collaborazioni di sicurezza, autorità nazionali burocratiche che amministrano il nulla territoriale palestinese. E a calmare le acque non servirà la posa da poliziotto “buono” assunta dagli imperialisti europei rispetto al dossier “Gerusalemme”; differenziandosi dal poliziotto “cattivo” statunitense, con lo scopo dei contenimento dei danni previsti e preannunciati. Una posizione maturata nel tentativo, malcelato, di dare una sponda alla borghesia araba collaborazionista e sionista, così come ad una Autorità Nazionale Palestinese (ANP) che, anziché dissolversi nel riconoscimento della propria evanescenza e che, in grosse difficoltà, balbetta deboli posizioni di basso profilo, appellandosi ad una cosiddetta comunità internazionale in mano al sionismo.

Lungo il fronte Palestina, vera e propria faglia di rottura tra Neocolonialismo sionista e Resistenza antimperialista, si giocheranno le future sorti strategiche del bacino tricontinentale del Mediterraneo, nel quale a nessuno saranno più concessi i lussi della neutralità e dell’indifferenza, nella prospettiva dello tsumani politico-militare che sta montando. La Colonizzazione di Gerusalemme, in quanto capitale dello stato sionista, non potrà che essere cancellata che con la Liberazione di Al Quds in quanto capitale di una Palestina unificata, democraticamente partecipata e antisionista. Il mezzo di questa liberazione sarà la Resistenza avviata dalle forze partigiane arabo-palestinesi, in unità con tutti gli altri popoli aggrediti e con la necessaria rinascita del movimento contro la guerra imperialista a livello globale.

In questo quadro politico generale, anche la partenza del Giro d’Italia da una Gerusalemme proclamata Capitale dello Stato sionista, nel 70° della sua stessa fondazione, è un tentativo di legittimazione di fronte all'opinione pubblica internazionale, ma soprattutto italiana, di un dato di fatto imposto ai palestinesi. Opporvisi rappresenterebbe un primo, minimo, impegno alla portata di tutti, per contribuire alla denuncia ed alla controinformazione contro il colonialismo e l’Apartheid sionista. Il resto è tutto da sviluppare in un contesto che sarà sempre più incandescente...

PALESTINA LIBERA, AL QUDS LIBERA!
LOTTIAMO ANCHE QUI CONTRO IL SIONISMO E I SUOI COMPLICI!

 


Versione in arabo

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.
 

FrontePalestina newsletter

Stay informed on our latest news!

Abbonamento a FrontePalestina newsletter feed

Accesso utente