Appelli e Comunicati

Volantino distribuito durante l'iniziativa al Museo del Ciclismo del Ghisallo

Pubblichiamo di seguito il volantino diffuso durante la cerimonia d'inaugurazione delle sculture dedicate a Gino Bartali e Fiorenzo Magni e della presentazione del libro di Gianni Torriani dedicato a suo padre Vincenzo, amante e promotore del ciclismo in Italia, al Museo del Ciclismo del Ghisallo, iniziativa precedentemente annunciata come pubblica ma resa privata (ingresso riservato su invito) a seguito della presenza degli attivisti BDS.

Il Corriere dello Sport, nell’articolo di presentazione del Giro d’Italia 2018, titolava: “Prima tappa a Gerusalemme”, con la seguente spiegazione: “Il 4 Maggio 2018 Il Giro d’Italia n°101 prenderà il via da Gerusalemme. Per la prima volta una grande corsa a tappe partirà fuori dall’Europa. E per farlo, il Giro ha scelto Israele, una terra in cui il ciclismo è in espansione ma soprattutto un Paese che ha voglia di far parlare di sé attraverso lo sport e il turismo.”

Peccato che il 2018 sarà anche il 70° anniversario della Nakba (la Catastrofe) con i suoi 385 villaggi palestinesi distrutti, 15.000 civili palestinesi uccisi, 770.000 espulsi dalle loro case e dalle loro terre. Nel tempo queste cifre sono aumentate vertiginosamente, con un’erosione costante della terra palestinese grazie ai continui insediamenti di coloni, la costruzione del Muro dell’apartheid e la sparizione della Palestina dalle carte geografiche.

Il Giro d’Italia, quindi, oltre a passare sulle macerie dei villaggi autoctoni, dei quali non troverà neppure i nomi perché sostituiti con colonie sioniste, diventa un potente veicolo per legittimare l’occupazione di Gerusalemme Est compiuta dai sionisti, che intendono annetterla unilateralmente come parte della loro ‘capitale unica’. Tutto ciò nonostante la risoluzione 181 del 1947 dell’Onu abbia posto Gerusalemme sotto un regime internazionale speciale e dichiarato illegali tutte le azioni intraprese dall’occupante per imporre le sue leggi e la sua amministrazione sulla città.

Pensiamo sia ripugnante strumentalizzare lo sport per legittimare l’entità sionista di Israele che si è macchiata di orribili nefandezze ed altrettanto ripugnante è l’inaugurazione del busto dedicato a Fiorenzo Magni che si tiene oggi al museo del Ghisallo. Ricordiamo che egli, dopo l’8 settembre del ’43, ha combattuto con la guardia nazionale repubblicana e ha preso parte nel ’47 alla “strage di Valibona”, nella quale furono uccisi tre antifascisti. Quando vinse il Giro nel 1948 (dopo il ritiro di Coppi), Magni venne fischiato dal pubblico a Milano e Alfonso Gatto dell’Unità gli diede del “collaborazionista”.

Protestiamo contro queste strumentalizzazioni perché individuiamo il sionismo non solo nell’occupazione e colonizzazione della Palestina, ma anche negli stati dove riesce ad infilarsi come una presenza criminale, dall’Italia alla Grecia, dai paesi arabi al Sud America. Gli esempi spaziano dall’appoggio ed addestramento delle squadre della morte in Guatemala, dei Contras in Nicaragua fino all’ingerenza legislativa nei paesi europei, impegnati a far promulgare leggi repressive contro il boicottaggio mascherate da provvedimenti contro l’antisemitismo ma che in realtà hanno lo scopo di criminalizzare chiunque osi denunciare le politiche razziste e colonialiste di Israele.

Con la resistenza palestinese
No all’apartheid
Estendere il boicottaggio del regime sionista
No alla riesumazione dei fascisti

Fronte Palestina - Milano

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.
 

FrontePalestina newsletter

Stay informed on our latest news!

Abbonamento a FrontePalestina newsletter feed

Accesso utente