Appelli e Comunicati

Lettera ANPI: per un 25 Aprile di Liberazione

Siamo militanti e dirigenti periferici dell'A.N.P.I., impegnati da tempo nella solidarietà con le lotte di liberazione e contro le guerre di aggressione che si sono sviluppate nel mondo sin dalla fine del secondo conflitto mondiale, seguendo la strada indicata negli anni '50 dai “Partigiani della Pace”.

Abbiamo accolto con interesse le parole del presidente Smuraglia nell'ambito dell'ultimo Comitato Nazionale dell'Associazione, pubblicate su ANPInews n. 151, contro le guerre in atto e il pericolo di un allargamento di tali conflitti. Riteniamo che la lotta contro la guerra e la difesa della pace, dell'indipendenza e i diritti di tutti i popoli sia oggi il compito principale dell'azione che la più autorevole fra le associazioni dell'antifascismo italiano deve assumere in questo periodo e per i prossimi anni.

La guerra è non solo la negazione dei diritti umani, come giustamente afferma il presidente Smuraglia, ma anche causa ed effetto della negazione, per i popoli, del diritto fondamentale all'autodeterminazione e all'indipendenza nazionale.

Questo prossimo 25 aprile, 70° anniversario della conclusione della lotta di Liberazione dal fascismo, non può essere vissuto come una mera ricorrenza, come un momento che si limita al ricordo, pure importante di quei giorni, ma deve essere una grande mobilitazione per riaffermare i valori di libertà, di giustizia sociale e di solidarietà internazionalista che furono alla base del sacrificio di coloro che con le armi, con la prigionia e il confino riscattarono la dignità del popolo italiano che il fascismo aveva gettato alle ortiche.

Concordiamo infine con il presidente Smuraglia quando afferma che “il mondo è attraversato da violenze e da guerre. Non siamo mai stati così vicino alla guerra come ora, almeno da molti anni. Adesso è alle porte, in Europa; ma vi sono mille focolai in Africa, in Medio oriente, nel mondo. Anche questo ci lascia non dico indifferenti ma poco inclini alla riflessione al ricordo”.

Ma se è vero che una delle realtà dove i conflitti sono più cruenti e destabilizzanti è il Medio Oriente, è altrettanto vero che la colonizzazione e l'occupazione della Palestina da parte di Israele, potenza nucleare da decenni direttamente impegnata in tutti i conflitti che si sono sviluppati in quell'area, è la principale causa di guerra e di negazione dei diritti fondamentali del popolo palestinese.

Il popolo palestinese vive nei paesi vicini e nel mondo in campi profughi, ospite spesso indesiderato o comunque scomodo, disperso da una pulizia etnica fra le più gigantesche della storia, sopravvive nella Cisgiordania occupata militarmente dall'esercito sionista da quasi quaranta anni e attraversata da un muro lungo centinaia di chilometri che impedisce ogni possibilità di movimento e costringe i palestinesi a ore di attesa per andare al lavoro o a scuola e ad attraversare i check point presidiati da militari stranieri in assetto di guerra. Le coltivazioni dei contadini palestinesi vengono scientificamente sradicate e distrutte affinché gli stessi sono costretti ad andarsene dalla loro terra e le loro case vengono demolite per far posto alle nuove colonie sioniste. La striscia di Gaza è ormai una grande prigione a cielo aperto dove centinaia di migliaia di Palestinesi vivono senza possibilità di rifornimenti alimentari, energetici, sanitari, periodicamente aggrediti e sterminati dall'aviazione e dall'esercito sionista. Oltre un milione di palestinesi che, sopravvissuti all'espulsione del 1948, vive dentro lo stato sionista e ne ha la cittadinanza, però senza avere gli stessi diritti degli altri cittadini israeliani e subendo un'apartheid ancora più odiosa di quella da cui si sono liberati i neri del Sudafrica. I prigionieri politici palestinesi nelle carceri israeliane sono migliaia e, come spesso accade nei paesi occupati militarmente, molti sono in stato di “detenzione amministrativa”, il cui termine è indefinito, a discrezione delle autorità sioniste, senza processo né imputazione alcuna. Fra questi, da oltre un decennio, Ahmad Sa'adat, segretario generale del Fronte Popolare di Liberazione della Palestina, la principale organizzazione della sinistra palestinese.

Tutto questo avviene sotto l'ombra e in nome della bandiera di Israele.

Non possiamo più accettare che quella bandiera, la bandiera di uno stato che commette una così palese violazione dei diritti di un popolo, di uno stato guerrafondaio che da sempre non riconosce e non rispetta le risoluzioni delle Nazioni Unite, sfili nei cortei del 25 aprile sulla base di periodici appelli delle autorità diplomatiche di Israele ai sionisti italiani.

A motivo di tale presenza si contrabbanda la partecipazione israeliana alla liberazione del nostro Paese, smentita dalla storia e soprattutto dal fatto che lo stato di Israele nel 1945 non esisteva ancora.

Qualcuno ci accuserà di antisemitismo, come sempre accade a chi si schiera dalla parte del popolo palestinese. Non riteniamo di dover prendere neppure in considerazione questa accusa.

Noi siamo dalla parte di quegli ebrei che sulle montagne e nelle città hanno combattuto contro il fascismo, siamo dalla parte degli ebrei vittime del fascismo che hanno diviso la stessa sorte delle popolazioni slave, degli antifascisti di tutta Europa, delle minoranze etniche e religiose, nei campi di concentramento e di sterminio, siamo dalla parte di quegli ebrei come Eugenio Curiel, Primo Levi, i fratelli Artom, Guido Valabrega, Vittorio Foa, Leone Ginzburg che veramente hanno lottato per la libertà, per la giustizia sociale e contro ogni forma di fascismo.

PER QUESTO STIAMO DELLA PARTE DEL POPOLO PALESTINESE E DELLA SUA RESISTENZA!

Il comitato provinciale dell'ANPI di Lodi ha approvato con voto unanime l'appello in data 28/3/2015

La Sezione ANPI Rufina (Fi) Sezione Martiri di Berceto ha aderito all'appello in data 08/4/2015

Marcello Citano (SUGO) partigiano combattente della Brigata Sinigallia (FI)

Enzo Apicella Cartoonist
Filippo Bianchetti iscritto ANPI varese
Veniero Granacci antifascista dell'ANPI Nicolai Bujanov
Gina de Angeli, direttivo Anpi Massa
Francesca Sarchielli socia ANPI Rufina
Sandro Tosi socio ANPI Rufina
Luisa Costalbano socia ANPI Rufina
Vincenzo Mordini, socio Anpi Bagno a Ripoli (FI)
Massimo Gianfranceschi, vice segretario provinciale dell'ANPI di Massa Carrara e Montignoso
Centro di documentazione Gino Menconi di Massa
CIRCOLO Partigiani Sempre di Viareggio
Ugo Giannangeli di Anpiseprio
Sezione Anpi Montieri/Monterotondo
Ascanio Bernardeschi menbro Comitato Direttivo ANPI Volterra
Roberto Villani - Presidente sez. ANPI Orlando Orlandi Posti - III municipio, Roma
Alessandro Bellucci socio A.N.P.I. presso la sezione “Potente”
Lorella Bortolozzo - ANPI Erminio Ferretto di Mestre
Fausto Marchesi socio ANPI
Avv. Maria Grazia Campari Firenze socia ANPI

Elena Gimelli - sezione ANPI Barona (Milano)
Riccardo Maria Antonini Socio Anpi Viareggio
Daniela Frisullo socio ANPI sez Bagno a Ripoli (Firenze)

Riccardo Antonini, iscritto Anpi Sez. Viareggio-Versilia n. 67640
Dott.ssa Anna M. Dalloccchio socia ANPI
Paola Ciardella socia ANPI
Ireo Bono - ANPI Savona
Claudio Fornari, iscritto ANPI sez. Lonato (BS)

Mario Cucchi iscritto ANPI Varese
Averardo Francesco Taddei Vice-Presidente ANPI di FUCECCHIO (Fi)

Il comitato di quartiere BaggioBeneComune (Milano)
Leo Barbi e Franco Agresti sez. Anpi Gavorrano/Scarlino

Claudio Picazio - Circolo ANPI Comandante Carlo Gaeta (LT)
Roberto Taliani iscritto ANPI Campi Bisenzio (firenze) sez Lanciotto Ballerini
Fulvio Conti presidente Anpi Lanciotto Ballerini  Campi Bisenzio - Firenze
Elisa Patrizia Frediani, iscritta ANPI , Sezione di Lucca
Maria Cristina Lascialfari socia Anpi sez di Rifredi

Fausto Schiavetto - ANPI Treviso
Sezione ANPI BORIS BRADAC - CHIVASSO (TO)
Corrado Rossigalli, iscritto ANPI sezione Lonato (BS)
Beppe Corioni iscritto all’ANPI di Rovato (BS)
Sezione Anpi di Carrara
Giorgio Lindi presidente comunale ANPI Carrara
Leo Biselli comitato direttivo comunale di Carrara
Ferdinando Sanguinetti direttivo ANPI Carrara
Paolo Lindi direttivo ANPI Carrara
Sezione ANPI Gaeta

Cristina Rezzi socia ANPI
Virginio Pilò - iscritto Anpi Pratello (Bologna)
Simone per ANPI Rignano-Reggello (FI)
Sezione ANPI di Lonato (BS)
Sezione Anpi Seprio
Sezione ANPI di Massa
Sezione Anpi brg.ismene di Malo - Vicenza

ANPI di Rufina (Fi)
 


Per adesioni scrivere a info@frontepalestina.it

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.
 

FrontePalestina newsletter

Stay informed on our latest news!

Abbonamento a FrontePalestina newsletter feed

Accesso utente